Perché tante aziende usano Power i per i loro sistemi Open Source?

Perché tante aziende usano Power i per i loro sistemi Open Source?

Il movimento Open Source è oggi diventato una risorsa fondamentale per lo sviluppo di nuove competenze e nuove tecnologie.

Questa tendenza è una risorsa fondamentale per affrontare le sfide del futuro. Già oggi il 90% dei dati presenti nel mercato ha un’età molto recente, essendo stato creato soltanto negli ultimi due anni, e nel 2020 ci saranno oltre 25 miliardi di oggetti connessi che genereranno dati per 24 ore al giorno, per 7 giorni alla settimana e quindi per 365 giorni all’anno.

Molti di dati come queste e le relative applicazioni di analisi possono essere gestite con maggiore efficacia da soluzioni come IBM Watson, che è basata su Linux on Power, la piattaforma sulla quale IBM ha investito circa un miliardo di dollari dal 2014 ad oggi per rendere più facile per i clienti utilizzare Linux sui propri sistemi Power al posto del tradizionale AIX.

E proprio i sistemi Power Linux hanno dato un ottimo contributo alla crescita del mercato Power che ha mostrato una progressione positiva nel 2015 di oltre il 4%.

Un rapporto di Forrester Research mette in evidenza come Linux, che è definito il “cavallo da lavoro” di molti datacenter per le sue capacità di operare applicazioni mission-critical minimizzzando i rischi di downtime ed aumentando le performance, sia il punto di arrivo di molte scelte strategiche in termini di architettura dei sistemi.

Visita il POWER-I USER CLUB e scarica il White Paper Forrester Research on Linux on Power

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *